“È possibile una scuola diversa?”

Tra le strategie volte a potenziare l’efficacia del sistema formativo e ad innalzare la qualità dell’istruzione sta in primo piano la necessità di migliorare le scuole. Su questa esigenza convergono le opinioni di politici e studiosi, ma come procedere? 

A questo interrogativo intende dare una risposta esplorativa il volume “È possibile una scuola diversa? Una ricerca sperimentale per migliorare la qualità scolastica”, edito dalla Fondazione per la Scuola presso Il Mulino, che restituisce – dati alla mano –  i risultati della meticolosa ricerca condotta su un campione di Istituti commprensivi di Piemonte e Liguria,  coinvolti nella I edizione del progetto Scuolinsieme, percorso di miglioramento coordinato dalla Fondazione per la Scuola tra il 2013 e il 2018.

Le iniziative messe in atto e presentate nel volume – che adattano al nostro paese pratiche già sperimentate altrove – spaziano su vari territori: revisione e miglioramento dell'organizzazione interna alle scuole; diffusione di metodologie didattiche innovative (classi aperte, cooperative learning, ecc.)maggiore familiarità e puntualità con le pratiche autovalutative; potenziamento dell’apprendimento degli studenti; compatibilità tra costi e azioni di miglioramento.

Il volume, arricchito da una rassegna internazionale sul miglioramento e la qualità dell’istruzione, è frutto della collaborazione di studiosi di diversa formazione: sociologi, economisti, psicologi, pedagogisti e si raccomanda per il pregio di affrontare il tema del miglioramento in una prospettiva multidisciplinare.