Obiettivi

L’obiettivo principale del progetto è quello di sperimentare una modalità didattica innovativa per l’insegnamento della storia per le classi della secondaria di primo grado, mediante la partecipazione di risorse esterne (studiosi della disciplina ed esperti di metodologie digitali) e di ambienti virtuali di apprendimento. Si intende realizzarlo attraverso una disamina approfondita dei testi più noti dell’autore (Se questo è un uomo, La tregua, Il sistema periodico) e di testi meno conosciuti o che solitamente non vengono proposti agli studenti della scuola secondaria di primo grado (La chiave a stella, Rapporto su Auschwitz, Poesie e altri). Gli scritti saranno considerati sia per il loro valore di testimonianze di fatti storici sia come opere di ingegno/d'arte. Questo sarà possibile grazie alla collaborazione degli studiosi del Centro Internazionale di Studi Primo Levi che forniranno un catalogo di risorse storiche e di percorsi interpretativi volti ad arricchire l'analisi degli scritti e a enfatizzare la rilevanza degli eventi storici. Gli studenti saranno guidati nell’analizzare e interpretare le fonti, nel recuperare informazioni da archivi online, nell’individuare analogie e differenze tra periodi storici, stabilire la dimensione spaziale e temporale degli eventi. Un ulteriore apporto alla riflessione sarà fornito da uno scrittore che testimonierà il suo percorso creativo e stimolerà i ragazzi a ragionare su come esperienze personali possano essere comunicate attraverso un medium espressivo.

Attraverso esperienze partecipative e project-based learning, i ragazzi saranno attivamente coinvolti nell'acquisizione dei saperi e nello sviluppo delle proprie competenze. Il lavoro di gruppo, sia in fase di ricerca che in fase di produzione di elaborati digitali, permetterà ai ragazzi di sviluppare il pensiero critico, le abilità di cooperazione e di leadership e di esercitare la creatività. Tale modello di apprendimento esperienziale permetterà un avvicinamento profondo ai temi trattati, mettendo in risalto la loro rilevanza nella vita quotidiana dei ragazzi, in un'ottica di "real-world learning", fondamentale per la costruzione di un sapere duraturo e per una conservazione efficace della memoria storica.

Altro obiettivo del progetto è di fornire e sviluppare competenze non specifiche dell’insegnamento della Storia, come elementi di educazione sociale e civica e elementi di competenze digitali. L’approfondimento dell’analisi testuale consentirà di soffermarsi su temi come democrazia, la Costituzione, la promulgazione delle leggi razziali, la libertà individuale dei cittadini e molti altri. Ugualmente, la creazione e la produzione di prodotti/elaborati pensati per sviluppare la creatività degli studenti servirà a “fissare” maggiormente i contenuti di studio attraverso il linguaggio digitale particolarmente familiare ai ragazzi.

Il progetto avrà molteplici ricadute sulla formazione professionale dei docenti e sul percorso di apprendimento degli studenti. Per quanto riguarda i docenti, nel corso del percorso formativo:

  • acquisiranno conoscenze approfondite sull’opera di Primo Levi,
  • sperimenteranno modalità di apprendimento esperienziale della storia,
  • impareranno a usare un ambiente di apprendimento virtuale (Edmodo),
  • impareranno a selezionare fonti storiografiche da un archivio digitale,
  • acquisiranno competenze legate all'elaborazione di contenuti digitali,
  • acquisiranno una comprensione di base del diritto d’autore.

Per quanto riguarda gli studenti, invece, nel corso del percorso formativo:

  • applicheranno il pensiero critico a fatti storici del passato e del presente,
  • impareranno a confrontare diversi fatti storici,
  • acquisiranno competenze nell’analisi delle fonti,
  • acquisiranno competenze di educazione civica e sociale,
  • acquisiranno competenze di elaborazione di contenuti digitali,
  • acquisiranno competenze di analisi dei testi letterari,
  • sperimenteranno modalità di lavoro collaborativo.

Commenti

ornema
14/11/2018 - 15:09

Proposta molto interessante che desidero approfondire
ornema
14/11/2018 - 15:11

Sono assistente del Corso di storia all'Università Bicocca di Milano, mi piacerebbe formarmi per formare secondo le proposte enunciate. E' possibile partecipare come osservatore?
Veronica Ruberti
15/11/2018 - 10:54

Gentile docente, grazie per l'interesse dimostrato nei confronti dell'iniziativa. Per qualsiasi informazione può scriverci al seguente indirizzo mail: progettoprimolevi@fondazionescuola.it